SANITÀ: IN ITALIA LA PRIMA VITTIMA DELL’INFLUENZA

SANITÀ: IN ITALIA LA PRIMA VITTIMA DELL’INFLUENZA
Una bambina di Bari di soli 3 anni è stata la prima vittima in Italia dell’influenza stagionale.
La piccola è stata ricoverata subito all’ospedale Giovanni XXIII e successivamente presso il Laboratorio di Epidemiologia molecolare dell’Unita’ di Igiene dell’Azienda Policlinico di Bari.
Il ceppo che ha colpito la bambina è quello del virus influenzale di tipo A, sottotipo H3N2 e come spiega Cinzia Germinario, direttore scientifico dell’Osservatorio epidemiologico della Regione Puglia, questo virus è stato in circolazione anche lo scorso anno.
A far preoccupare è il notevole anticipo rispetto alle altre stagioni influenzali, di solito l’isolamento del virus avviene tra fine novembre e dicembre. Per questo gli esperti del policlinico di Bari consigliano “di intensificare la campagna di vaccinazione anti-influenzale“.
I soggetti più a rischio contagio sono bambini e anziani over 65, ma come sottolineano dal Poliniclinico di Bari: “Anche gli operatori sanitari tutti dovrebbero vaccinarsi contro l’influenza per evitare la possibile trasmissione nelle strutture sanitarie a pazienti critici. Nei prossimi giorni, ulteriori indagini permetteranno di capire se il ceppo H3N2 isolato ha le stesse caratteristiche del ceppo H3N2 del vaccino, un ceppo texano, che ha circolato negli ultimi due anni“.
Taggato con