BIBITE ZUCCHERATE INVECCHIANO PREMATURAMENTE LE CELLULE

BIBITE ZUCCHERATE INVECCHIANO PREMATURAMENTE LE CELLULE
Secondo uno studio di un gruppo di ricercatori americani della University of California a San Francisco le bibite zuccherate invecchiano in maniera prematura le cellule.
Il collegamento tra consumo di bibite zuccherate e invecchiamento delle cellule, è da trovare nei telomeri, queste sono unità di protezione del DNA che rappresentano le estremità dei cromosomi nelle cellule. Stando ai dati dell’indagine americana i telomeri risultavano più bassi nei globuli bianchi dei partecipanti dello studio che hanno segnalato di bere spesso bevande analcoliche.
Elissa Epel professore di psichiatria e autore principale dello studio, ha dichiarato: “ll consumo regolare di bevande zuccherate analcoliche può influenzare lo sviluppo di malattie, non solo interrompendo il controllo metabolico degli zuccheri nel corpo, ma anche attraverso l’invecchiamento cellulare accelerato dei tessuti“.
La ricerca è stata basata sulla misurazione dei telomeri memorizzati nel DNA di 5.309 volontari, di età compresa tra i 20 e i 65 anni e senza alcuna problematica relativa al diabete o a malattie cardiovascolari. Inoltre i partecipanti hanno preso parte anche a un sondaggio relativo alla salute tra il 1999 e il 2002.
Circa il 21% delle persone ha affermato di consumare almeno 568 ml di soda dolcificata con zucchero al giorno e gli studiosi hanno analizzato il dato calcolando che questo consumo giornaliero di soda è collegato con 4,6 ulteriori anni di invecchiamento biologico. L’effetto sulla lunghezza del telomero è addirittura paragonabile all’effetto del fumo e regolare esercizio fisico nella direzione opposta, cioè in antiaging.
Questa scoperta si va ad aggiungere alla già lunga lista di malattie collegate con il consumo di bevande zuccherate, quali l’obesità, sindrome metabolica, diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.