Cancro: la corsa contro il tumore di Scott Spitz

Cancro: la corsa contro il tumore di Scott Spitz
Scott Spitz, oggi 38 anni, è un promettente maratoneta americano. La sua vita tra lavoro e famiglia trascorre tranquilla in Indiana, dove nel 2007, in seguito alla nascita del figlio, scopre la sua passione per lo sport, in particolare per la corsa. Il giovane atleta nel 2010 sfiora addirittura la qualificazione alle Olimpiadi di Londra, non ci riesce ma non si scoraggia e continua a rincorrere il suo sogno. Questo fin quando un giorno Scott, da sempre vegetariano, scopre di avere una rara forma di tumore che colpisce 1 sola persona su 500mila ogni anno, si tratta un cancro alla cavità addominale.
Scott capisce che per lui è arrivato il momento di affrontare un’altra sfida: quella per la vita. Da quel momento inizia a correre non per raggiungere il sogno olimpico ma per sensibilizzare l’opinione pubblica sul suo male. Così facendo riesce ad attirare l’attenzione della stampa, in particolare quella della rivista
Runner’s World
che ha anche scelto di dedicargli la copertina.
Oggi è riuscito a sconfiggere una parte della sua malattia, infatti è guarito dal cancro al 75%, i medici mostrano ottimismo ma con estrema cautela.
Secondo Scott: “Forse è l’attività fisica che tiene alla larga il cancro, a volte quando esco per correre mi sento stremato ma poi penso che questo è ciò che mi aiuta e allora continuo a correre”.
Il suo motto è: “Il cancro sta cercando di uccidermi, ma prima dovrà prendermi“.
Taggato con