Rivellini (PI): tac rotte al Loreto mare. Intervenga Caldoro!

Rivellini (PI): tac rotte al Loreto mare. Intervenga Caldoro!
(AGENPARL) – Napoli, 22 gen – Ho scritto al Governatore Caldoro e ai vertici della sanità regionale per evitare che continuino i disservizi e gli scandali, per evidenti sprechi di risorse,in questo settore.Speriamo che intervenga prima della magistratura ordinaria e contabile”.

Lo dichiara Crescenzio Rivellini, coordinatore dei Popolari per l’Italia in una nota. 

“Gentile Presidente Caldoro – scrive Rivellini – scrivo a Lei e ai dirigenti della sanità regionale per ribadirle, dopo la sconfortante notizia che all’OSPEDALE LORETO MARE si sono rotte le due vecchie TAC impedendo di fatto,ad uno dei più importanti e frequentati ospedali della regione di assicurare un minimo livello d’assistenza, le mie perplessità sulla scarsissima programmazione regionale rnell’assegnazione dei macchinari per le cure. 
Difatti sono anni che denuncio l’assurda situazione della Campania, dove sono attive, fra pubblico e privato, le stesse TAC presenti in TUTTA LA FRANCIA (in Francia ci sono circa 90 ml di cittadini mentre in Campania siamo solo circa 6 ml!) eppure mentre da noi ci sono disservizi e attese per effettuare una TAC in Francia l’assistenza è ottima. 
Scandalosa è stata l’ultima spesa regionale di TAC etc senza una preventiva verifica dei macchinari esistenti e una più attenta sistemazione dei nuovi acquisti. Difatti dopo l’acquisto di nuove TAC da parte della regione, ripeto senza effettuare un preventivo inventario dell’esistente, inspiegabilmente l’ASL NA1, dimostrando una incapacità programmatica grave, ha deciso d’assegnare una nuova TAC ALL’OSPEDALE DI CAPRI, dove sono oggettivamente minori i ricoveri e gli interventi di pronto soccorso,lasciando al LORETO MARE, vero ospedale di frontiera, i vecchi macchinari. 
Non mi meraviglio quindi di quanto accaduto e mi attendo una pronta indagine interna che accerti se in tale mancata programmazione ci sia dolo e danno a carico dei cittadini campani.Tutto ciò prima che intervenga la magistratura ordinaria e contabile che spero non sanzioni la ns dirigenza sanitaria regionale.
Taggato con