Un bollino qualità certifica i siti autorizzati dal ministero della Salute!

Un bollino qualità certifica i siti autorizzati dal ministero della Salute!

Bollino che certifica l’autorizzazione del ministero.
Pochi click per fare acquisti in farmacia, ma solo prodotti da banco, che si possono prendere senza ricetta. Sciroppi per la tosse, aspirina, tachiprina, pasticche per il mal di testa o lassativi. Da oggi, 1 luglio, l’Italia recepisce la direttiva europea che permette di comprare confezioni di automedicazione on line. Nessuna corsa nel negozio più vicino, prima della chiusura, ma compere ‘virtuali’ in pochi secondi  attraverso siti web di rivenditori già autorizzati alla vendita di medicinali. Il tutto in completa sicurezza. Basta controllate se sul sito è presente il logo voluto dalla Ue: una croce bianca su uno sfondo a righe verdi.
Siti certificati. A vendere online saranno infatti solo farmacie e parafarmacie autorizzate, attraverso siti contrassegnati da questo ‘bollino di qualità’. Il ‘marchio’ del ministero della Salute, conforme a quello previsto dalla direttiva Ue, renderà ogni prodotto identificabile e sicuro. In questo modo, infatti, i cittadini potranno riconoscere i ‘negozi virtuali’ certificati ed evitare così le truffe. L’obiettivo è innanzitutto attuare una stretta contro i siti illegali, che in 7 casi su 10 vendono farmaci contraffatti e potenzialmente pericolosi. Spesso i prodotti ‘fasulli’ sono conservati male e  ancora più nocivi. “Il commercio di farmaci falsificati potenzialmente tossici o anche solo inefficaci è una delle minacce più rilevanti per la sicurezza sanitaria globale – spiega Domenico Di Giorgio, responsabile dell’Ufficio qualità dei prodotti e contraffazione dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) – E i numeri ci dicono che solo lo 0,6% delle farmacie online è legale”. Continua a leggere … 
Taggato con