La medicina estetica è solo per i ricchi? Intervista al Dott. Della Porta

La medicina estetica è solo per i ricchi? Intervista al Dott. Della Porta
Sempre più persone in Italia ricorrono ai trattamenti di Medicina Estetica. Ma quanto costa il ritocchino? È “roba da ricchi” oppure è soltanto un luogo comune? Per approfondire l’argomento abbiamo intervistato il Dott. Diego Della Porta, medico estetico, cercando di capire prima di tutto cos’è veramente la Medicina Estetica.
Perché le persone sono così confuse quando si parla di Medicina Estetica?
Per la quasi totalità delle persone, al termine medicina estetica viene naturale associare i termini “filler, botox, collagene, acido ialuronico”, per cui viene automatico pensare a labbra e zigomi “gonfiati” oppure a personaggi del mondo dello spettacolo con visi da quarantenne pur avendo carte d’identità da sessantenni. Si è portati solitamente a pensare a trattamenti medici non necessari, superflui, secondo il parere dei più. Sicuramente la medicina estetica ha tra le sue prerogative la modifica dei volumi del volto, la riduzione di solchi e rughe; ha come prerogativa il miglioramento della siluette di un corpo con interventi atti a ridurre il pannicolo adiposo e la cellulite. 
Ed invece?
La medicina estetica è anche medicina preventiva e soprattutto medicina antiaging, preventiva nei confronti del fisiologico invecchiamento, cioè aiuta ad invecchiare meglio, certamente non ha la folle presunzione di interrompere il naturale processo di invecchiamento. Una donna che si sottopone a terapie antiaging dimostra gli anni che ha, ma “se li porta bene”!
La medicina antiaging prevede dei trattamenti cadenzati, modicamente lunghi e ciclici. Si inizia con una programma cosmetologico domiciliare personalizzato, seguito da biostimolazioni iniettive, con peeling e apparecchi elettromedicali.
La medicina estetica è per tutti o solo per chi può permettersi di sborsare qualche “soldino” in sfizi?
Questi interventi sono poco costosi: ad esempio una biostimolazione iniettiva ha un costo per trattamento di 30€ circa. Diversamente è opportunamente saggio diffidare da un filler effettuato a costi bassi, perché in tal caso il basso costo è determinato da un prodotto a basso costo e quindi di bassa qualità. La buona cura della persona è alla portata di tutti, altri trattamenti, non strettamente necessari, presuppongono una disponibilità economica maggiore.
Taggato con