Nutrizione: il digiuno fa davvero bene? Intervista alla Dott.ssa Laura Armenante

Nutrizione: il digiuno fa davvero bene? Intervista alla Dott.ssa Laura Armenante
Le religioni educano al digiuno, molti professionisti invitano a disintossicarsi digiunando, molti scienziati indicano nel cibo la causa delle principali malattie dell’uomo. Ma qual è la verità? Per approfondire il tema abbiamo intervistato la Dott.ssa Laura Armenante – Nutrizionista.
È davvero vero che il digiuno fa bene? E se è così, in che modo bisogna digiunare?
Non esistono dati scientifici che dimostrano che il digiuno fa bene. È pur vero che dovrebbero esserci dei momenti in cui il nostro corpo ha bisogno di disintossicarsi ma, portarlo in uno stato in cui c’è assenza di nutrienti, lo indurrebbe ad un ulteriore stress o alla produzione di sostanze tossiche come il cortisolo e l’adrenalina, che sono dannose all’organismo. 
Si potrebbe invece, per depurare l’organismo, preferire degli alimenti con basso contenuto in grassi e ricchi in fibre. Il digiuno, specie se non motivato da un problema patologico, e specie se avviene dopo un eccesso di introduzione di cibo, è dannoso anche per il metabolismo basale perché in condizioni di digiuno, il nostro corpo si metterebbe in risparmio e tenderebbe ad abbassare le energie per le  funzioni, riducendo cosi il metabolismo. Non appena ricominciamo a mangiare normalmente, il nostro corpo tende a depositare e quindi ingrassare.

Quali sono i cibi di cui l’uomo dovrebbe fare a meno?

L’uomo ha bisogno di tutto, in modo equilibrato. Ciò, ovviamente, non vale per i casi in cui esistono patologie accertate come nefropatie o altre. Sicuramente esistono delle cose non necessarie per il nostro corpo, come per esempio le bevande alcoliche o quelle gasate dolci. Il nostro corpo può anche sopravvivere in assenza di carne, come le tanto oramai note diete vegane. Durante le diete vegane però, quello che togliamo deve essere sostituito degnamente da altri alimenti.


Dott.ssa Laura Armenante

Una dieta vegana o vegetariana non si può improvvisare: spesso accade che si cambia regime alimentare senza consultare uno specialista e si creano danni seri. Il rischio è quello di mandare in sofferenza il nostro organismo. La carne, ad esempio, ha le cosiddette “proteine nobili”, cioé complete di quegli amminoacidi che il nostro corpo non è in grado di produrre da solo. È per questo motivo che i soli legumi non bastano e sono necessarie le combinazioni alimentari. Un esempio è il caso della “pasta e lenticchie”.Si parla molto del fatto che frutta e verdura fanno bene. È vero che non sempre è così? 

Frutta e verdura fanno molto bene alla salute. Ricche di vitamine, sali minerali e tanto altro. Quello che talvolta sfugge è, nel caso della frutta, che essa ha anche una buona quantità di zuccheri, per cui specie per chi ha problemi di sovrappeso o di diabete non bisogna abusarne. 

In estate spesso si tende a voler saltare i pasti per sostituirli con la frutta: sbagliatissimo! In quel momento si assumono solo zuccheri, per cui non l’alimentazione non è equilibrata. Inoltre quest’abitudine non fa assolutamente dimagrire; infatti, appena si ritorna a mangiare normalmente si ingrassa subito.
Quanto dobbiamo mangiare ogni giorno? Esiste un’indicazione di massima valida per tutti?

La prima cosa importante da dire è che bisogna mangiare per nutrirsi, e per nessun altro motivo: né per compensare vuoti, né per sentirsi appagati sfogando ansia o problemi mangiando in eccesso. 
Il quantitativo di cibo è soggettivo per ogni persona. È importante non avvertire mai senso di gonfiore e pesantezza quando si ci alza da tavola. Rispettare i reali bisogni del nostro corpo senza fare in modo che esso soffra è fondamentale. 
Bisogna infine evitare i cosiddetti “sostitutivi di pasto”, i digiuni integrali, le compresse e gli altri metodi utilizzati spesso solo per per perdere di peso. Per dimagrire occorre innanzitutto capire il motivo per cui si mangia così tanto e riequilibrare il proprio piano alimentare con un esperto. Si deve mangiare SOLO per obbedire ai reali crampi allo stomaco… cosa che oramai non si fa quasi più.  
Taggato con