Alitosi: cause, rimedi e prevenzione

Alitosi: cause,  rimedi e prevenzione
L’alitosi, ossia l’emissione di un odore sgradevole durante la respirazione, può essere un disturbo facilmente risolvibile: in molti casi basta una corretta igiene orale per eliminare il problema. Ma può anche rappresentare il sintomo di una malattia sistemica, come il diabete, l’insufficienza renale o epatica. Comprendere l’origine dell'”alito cattivo”, pertanto, può servire a combatterlo o a capire se sia il caso di effettuare esami clinici approfonditi.
Cause del disturbo
Alcuni tipi di alitosi, come “l’alito del mattino”, sono considerati normali e, di solito, non destano preoccupazioni per la salute. Altri, invece, segnalano la presenza di disturbi più seri. Le principali cause dell’alito cattivo sono scarsa igiene orale, parodontite, infezioni del tratto respiratorio, xerostomia o “secchezza delle fauci”, malattie sistemiche, il consumo di determinati alimenti (come aglio e cipolla) e il fumo.
Diagnosi
Il dentista o il medico possono comprendere la causa dell’alitosi in base al tipo di odore emesso. Per esempio, l’alito “acetonico” può indicare la presenza di diabete, quello “uremico” di un’insufficienza renale. In generale, per comprendere la causa di questo disturbo, il dentista esamina denti, gengive, tessuti orali e ghiandole salivari e s’informa su abitudini alimentari e vizio del fumo.